cop-2

POP SAVAGE – On the Fairway, mostra a Palermo

Condividi su

in collaborazione con MR Art Consultants

POP SAVAGE – On the Fairway” dal 2 dicembre (vernissage ore 18.30). Opere di Marco Bettini, di Fringe e di Tutto e Niente, mostra a cura di Miliza Rodic presso il Golf Club Palermo Parco Airoldi.

Letteralmente, in lingua inglese fair significa leale, mentre way vuol dire via. In questa mostra ho voluto accostare la parola FAIRWAY alla POP Art sia per il colore del verde del fairway, che richiama il colore del dollaro, per quanto riguarda le opere di Marco Bettini, sia per il significato letterale della parola fair che descrive perfettamente le opere di Tutto e Niente e, infine, con le opere di Fringe che ritrae i famosi personaggi di Walt Disney che si ispirano sempre a un principio di lealtà.
Le quattordici opere esposte, di immediata interpretazione, sono un inno alla Pop Art per la tecnica, i colori e i personaggi che rappresentano. La Pop Art, in quanto arte popolare, sin dai suoi esordi negli anni ’60 ha sempre fatto riferimento sia al dollaro, utilizzandone il simbolo, sia ai personaggi di Walt Disney, soprattutto Mickey Mouse, sia alle icone come Madonna, sia agli dei della mitologia.

Fare denaro è un’arte; lavorare è un’arte; un buon affare è il massimo di tutte le arti”

Andy Warhol

Pop Art privilegia un’idea di arte immediata e comprensibile, contaminata dalla cultura di massa e dunque accessibile a un pubblico più ampio di quello tradizionalmente elitario del mondo dell’arte.

Nella società moderna in cui i cambiamenti tecnologici e sociali sono più rapidi delle nostre capacità di sopportarli, la Pop Art si ispira a quelle forme d’arte che interpretano la velocità di tali mutamenti con semplicità e immediatezza comunicativa come il fumetto, l’illustrazione, il video game, la televisione, il cinema e soprattutto il web.

Le graffianti iconografie esposte in questa mostra ribaltano i luoghi comuni e danno nuova veste e significato a personaggi apparentemente fantastici che racchiudono, invece, metafore di una realtà dalla quale forse vogliamo fuggire.

“L’arte, persino quella in apparenza più innocua, è sempre radicale, unica, totalizzante. Per questo, ogni nuova entelechia che occupa il nostro sguardo è nemica mortale d’ogni altra evidenza e pretende la scena tutta per sé”. – Aurelio Pes

La mostra sarà inaugurata giovedì 2 dicembre presso la splendida cornice di Villa Airoldi Golf Club che ci ospita in questa occasione e sarà visitabile per tutto il mese di dicembre.

a cura di Miliza Rodic

Opera di Fringe
Opera di Tutto e Niente

Comments are closed.